Storie per piccoli cuori

Coltiviamo la speranza

Anche per una come me, che con la speranza va a braccetto, la coccola, le fa il solletico, ci passa intere giornate a ridere insieme, da un po’ è faticoso sentirla amica.

Questo tempo sospeso, intriso di dolore e paura, incredulità e rabbia, mi paralizza le mani, i respiri e i pensieri.

Quante volte in questi giorni ho guardato il foglio bianco pronta a riempirlo di lettere e punteggiatura, e quante volte – ogni volta in realtà – mi sono poi bloccata. Perché ogni pensiero, ogni emozione, ogni parola io possa scrivere, adesso mi sembra vuota, priva di senso, banale, nulla.

E mi assale l’amarezza.

Come posso vedere ancora il bello in questo mondo che si riempie di orrore?

Come faccio a diffondere la luce se intorno c’è solo buio?

E dove trovo la forza di sorridere quando il cuore non riesce a smettere di piangere?

C’ho pensato tanto, ma tanto, ma tanto.

E alla fine ho trovato un’unica risposta. L’ho sentita sussurrarmela all’orecchio da una vocina che proveniva dritta dritta da dentro.

“Continua a coltivare la speranza – mi ha detto – senza arrenderti mai, senza saltare neanche un giorno, però.

È questo il segreto! Anche quando il dolore sembra più forte, anche quando la rabbia sembra più grande, anche quando il buio sembra coprire ogni cosa”.

E così ho pensato che se posso coltivarla io la speranza, allora ognuno di noi può coltivarne un po’ dentro di sé.

E se poi ne prendesse un seme e lo soffiasse sul cuore di qualcun’altro, quel seme potrebbe attecchire e magari crescere e fiorire.

E tutte quelle speranze, sparse per il mondo e gonfie di sogni, sacrifici, di amore e luce potrebbero costruire – insieme – la pace.

E se poi riuscissimo a farla crescere nei bambini, la speranza diventerebbe la motivazione più preziosa da coltivare perché ci spinge all’azione e ci fa desiderare e praticare soltanto il Bene.

Che bello sarebbe se diventassimo tutti coltivatori di speranza, oltre ogni speranza.

Io voglio crederci e provarci. E tu?

Fabiana Carozza

Ultimi Post

Aiuto, una medusa!

Ciao bimbi e bimbe, in questo mese estivo di luglio parleremo di un animale che a volte vediamo sulle spiagge. Un animaletto che ci affascina

Sotto la pelle cosa c’è?

Hai mai visto le immagini di uno scheletro? Magari ti sarà capitato ad Halloween! Spaventoso vero? Eppure, sotto la pelle siamo fatti tutti così! È

Facciamo un bel respiro

Aria fresca e pulita, odore di fiori e di mare, come è bello respirare! Ma dove finisce l’aria che inspiriamo? Nei polmoni! Proprio sotto alle

Tutti al mare!

“Dottore, ma… posso portarlo al mare?” Al mare? Beh… Va bene, ma attenzione al sole… attenzione al sale… attenzione al vento… attenzione al caldo… attenzione…