Storie per piccoli cuori

“Rinforziamo” il sistema immunitario

Autunno, la domanda del momento:

“Dottore, posso dargli qualcosa per rinforzare il sistema immunitario?”

“Ma certo!”

L’industria attende questa candida domanda autunnale di tutte le mamme per offrire di tutto di più.

Il mercato dei “rinforzanti” “immunostimolanti” e “ricostituenti” è ricchissimo: basta scegliere!

Vitamina A, C, D, Zinco, Resveratolo, Betaglucano, Echinacea, lisati batterici o Ribosomi, fermenti lattici, prebiotici e pure post biotici, germi “buoni” per colonizzare nasi e bocche, Pidotimod, Lattoferrina, Bioarginina e c’è pure l’Oscillococcinium (Estratto di fegato d’oca!).

Come scegliere?

Ma perché scegliere? Ci sono anche prodotti che contengono praticamente tutto!!

Fantastico!

…E chi potrà ammalarsi più con un armamentario così ricco!?

Qualcuno ha delle evidenze di efficacia più documentate come lo Zinco, la Vitamina D, A e C, forse i lisati batterici…

Qualcuno un po’ meno come l’Echinacea o i derivati del Geranio (piante)

Qualcuno molto meno come l’Oscillococcinium

Ma è Impossibile non trovare il prodotto per soddisfare davvero tutti.

Il problema è che gli studi per documentare una reale efficacia in questo campo sono davvero difficili.

È un’impresa ardua, infatti, evitare mille fattori confondenti quando si devono misurare raffreddori, tossi, giorni di scuola persi o giorni di febbre in una popolazione ampia, considerando solo fattori clinici.

E non è detto poi che qualche evidenza in vitro si traduca in una efficacia in vivo.

Nessuno di questi farmaci è “mutuabile”.

E allora?

E allora fanno male al portafogli, ma tutto sommato non fanno male ai bambini e forse, o probabilmente, funzionano pure.

Tanti colleghi quindi li prescrivono e non sbagliano.

Ma mi chiedo:

Serve davvero “rinforzare” un bambino che è già forte?

“Curare” un bambino sano?

Si “ricostituisce” poi quello che manca.

Se non manca… Che “ricostituisco” in un bambino sano?

Ma se guardo come funzioniamo scopro che il migliore “stimolante del sistema immunitario” che sia mai stato inventato sono… le malattie!

La natura ha pensato a quelle per rinforzare davvero!

Quali?

Quelle delle prime vie respiratorie, quelle “sceme” che guariscono da sole ma che rovinano il week end, e “mio figlio le prende tutte lui!”

Ogni “catarro” infatti lascia una memoria immunologica e rinforza il sistema immunitario.

Il sistema immunitario è “un organo” che si sviluppa dopo la nascita anche attraverso le “esperienze” dell’incontro con i tantissimi germi (e allergeni) con cui dovrà confrontarsi per tutta la vita.

Detto in modo più “campestre”: per fare i muscoli, il sistema immunitario “si allena!”

Dopo l’età dell’asilo, infatti, quando si è stati “immunostimolati” davvero molto, ci si ammala molto molto meno e da adulti quasi mai.

Malattie sceme che “rompono le scatole”, vero, ma guariscono da sole quindi e “fanno anche bene”.

“Dottore io ho fatto l’abbonamento al suo studio…!”

Ok, vero, ma il dottore serve a controllare solo che siano quelle e che non “facciano scherzi” con qualche complicanza.

Lui non guarda infatti se la gola è rossa (lo fa spesso solo per accontentare le mamme perchè sa già che è rossa) ma fa attenzione a tutto quello che potrebbe non essere solo “la gola rossa”.

(Ok, non sparate! Qualche volta serve anche guardare la gola, ma il dottore sa quando)

Se la diagnosi è “il solito catarro” o la “solita faringite” o “rinofaringite” o “mucosite” o “tracheite” (ognuno usa un termine diverso, ma si tratta per tutti di “infiammazione delle prime vie respiratorie”) la visita dovrebbe finire con…

Una stretta di mano rassicurante e un “tutto ok signora il suo bambino “funziona” bene!”

“Ha infatti fermato l’aggressione dei germi alle alte vie e sta combattendo alla grande!”

“Complimenti!”

“Farmaci solo per ridurre fastidi, al bisogno”.

“Ok, dottore, questi catarri faranno pure bene, ma non se ne può più!”

“Non possiamo ridurle un po’?”

Sì, certo!

Prima di tutto non fumiamo!

Se i bambini fumano (e fumano!!) si ammalano, punto.

Poi… Non dimentichiamo tutto quello che ci ha insegnato il periodo Covid (che non è affatto finito)!

Apriamo le finestre e teniamoli più possibile all’aperto!

Le finestre chiuse e lo scarso ricambio di aria favoriscono molto la diffusione delle malattie!

Le chiamiamo malattie “da raffreddamento” in modo improprio, ma in realtà sono malattie da “affollamento”!

Quando fa freddo, infatti, chiudiamo le finestre e stiamo in luoghi chiusi con scarso ricambio di aria e riscaldamento acceso (che secca l’aria).

È logico che un virus diffuso nell’ambiente da uno starnuto arriva ad un altro bambino più facilmente se è vicino e l’aria disponibile è la stessa!

Se poi quell’aria non è nemmeno tanta, ed è condivisa da venti bambini di cui almeno 5 tossiscono, starnutiscono o hanno il nasino che cola…

Beh, non è difficile immaginare che quel posto è una sorta di “Seichelles per virus!”

“Ma che c’entra! Non hanno la febbre, quindi vanno a scuola!”

Certo, ma sono infettivissimi!

(La Tubercolosi che ha poca niente febbre andrebbe tranquillamente a scuola?)

Lungo discorso senza soluzioni.

E allora prendiamola così: quei bambini sono semplicemente “ottimi immunostimolanti”!

…Ma facciamogli lavare spesso le manine!

Ormai lo sappiamo tutti: le manine toccano le secrezioni nasali e diffondono virus su oggetti che vengono poi a contatto con altre manine…

E insegniamo ai bambini a starnutire e tossire nel cavo del gomito o con un fazzoletto davanti alla bocca. (almeno proviamoci!).

E poi ?

E poi diamogli tutti gli immunostimolanti efficaci che abbiamo!

Quale marca?

Tutte!

Con una bella dieta mediterranea corretta!

Ricca di frutta, verdure, quindi vitamine di tutto l’alfabeto e di tutti i minerali che servono.

Io ho sempre fatto così per i miei figli.

Ma se il dottore prescrive anche qualche altra cosa… ok va benissimo.

In qualche caso serve!

Per l’inquinamento non possiamo fare molto e quindi pace.

dott. Tommaso Montini, pediatra

Ultimi Post

Gentili come elefanti

IMPARIAMO DAGLI ANIMALI Ciao bimbi e bimbe quest’anno insieme sarà super divertente perché i nostri maestri saranno gli animali! Impareremo, osservando il loro modo di

Pizzette e amore

Ricordi… Le pizzette fritte! (…e che “ci azzeccano” in questa pagina?) — Era una festa in casa Montini. Partecipavamo tutti. La mamma impastava la pasta

Raffreddore e dintorni

Dico 5 banalità ovvie: 1) Un raffreddore guarisce da solo, ma è infettivo. 2) Il decorso dura dai sette ai dieci giorni (non uno, due

Autunno, la vita che mai muore

Ci sono lacrime che restano intrappolate tra cuore e occhi. Per giorni, settimane, a volte anche per anni, lunghissimi anni, prima di trovare il coraggio